Salta al contenuto principale
Please enable JS

Lo sviluppo personale e una nuova capacità di gestione: lo Switch Mentale

Dopo il primo colloquio con l’AD o il Board, in cui raccolgo le informazioni utili al fine di dare gli strumenti al Team Leader per osservare al meglio cosa succede all’interno della sua azienda, si passa a una fase successiva. L’AD o il Board è ormai agganciato, e pronto per avventurarsi in uno sviluppo personale che lo porterà a un cambiamento di prospettiva e a sviluppare nuove capacità manageriali.

Questo cambiamento si riferisce a un meccanismo che nel mondo formativo viene chiamato “Switch mentale”, ovvero la capacità di vedere le cose ad un livello superiore.

Esempi di Switch mentali orientati a vedere le cose ad un livello superiore possono essere:

passare dal dare la colpa ad un collaboratore per non aver raggiunto un risultato prefissato, a creare una visione di insieme riguardo gli elementi: Persone – Processi – Cultura. Oppure valutare se i collaboratori non eseguono determinate procedure non solo perché svogliati ma forse il processo non è produttivo o condiviso.

Lo Switch Mentale permette di “dare un significato diverso” ai soliti eventi, scatenando nuove risorse mentali in noi stessi e negli altri.

Lo switch che l’AD o il Board che si rivolge a me deve fare è quello di cambiare il suo Approccio Mentale, arrivando quindi alla consapevolezza che le problematiche che fino a ieri venivano gestite in un certo modo, adesso necessitano di un nuovo approccio.

È una consapevolezza in realtà molto intrigante a cui approdare, che permea in ogni situazione del quotidiano.

La metodologia dello “Switch Mentale” si basa sulla tecnica della “Visualizzazione”.

Siccome il nostro cervello lavora per immagini, immaginare in maniera vivida la nuova situazione da creare farà si che le risorse interne quali capacità, motivazione, intuizione, partano nella direzione corretta realizzando nella realtà ciò che fino a poco prima era una vivida immagine della situazione desiderata.

Per aiutare il Team Leader a generare uno Switch Mentale utilizzo “i racconti”, ovvero la capacità di “far partire un Film” nella mente di chi ascolta, così chiaro e vivido che risulta come se fosse realmente vissuto.

Far “partire il film” è un termine che utilizzo molto spesso per dare il via al percorso basandomi sulla vivida immaginazione. Questo racconto è necessario per portare l’AD ad utilizzare le proprie capacità d un livello superiore, all’interno del suo sviluppo personale e nella scoperta di cosa accadrà in dettaglio nel futuro:

  • quali saranno i vantaggi possibili, attraverso l’immaginazione di azioni concrete nei confronti della gestione del tempo, della creazione dei progetti, dei ruoli e delle persone;
  • cosa può accadere in termini di reazione e di partecipazione da parte degli altri componenti del Team;
  • quali saranno le performance, come e perché cambieranno le modalità e i risultati.

Questa fase si conclude con una parte finale del colloquio, in cui si attua la definizione degli attori da coinvolgere nel coaching e si fissa il calendario. Il Film può cominciare!



POST CORRELATI