Salta al contenuto principale
Please enable JS

Coaching aziendale: il primo passo è imparare ad osservare la tua azienda

Quando un AD o un Board mi chiedono di fare con loro un lavoro di coaching aziendale, il primo contatto avviene tramite un incontro conoscitivo e preliminare, che mi permette di capire la situazione, focalizzandomi su una serie di elementi:

  • cosa percepisce il Team Leader della sua azienda, e cosa veramente c’è dietro? Il Team Leader infatti mi rivelerà immediatamente quale, secondo la sua opinione, è il problema della sua azienda. Il mio lavoro sarà quello di approfondire, perché non sempre il problema percepito dal Team Leader è il problema reale dell’azienda (potrebbe esserne infatti solo una conseguenza);
  • la personalità del Team Leader, per scoprire le sue aree di miglioramento e i suoi punti di forza;
  • le conseguenze del suo comportamento e atteggiamento sulla performance dell’azienda dal punto di vista dell’operatività, della leadership e dell’orientamento alla Visione.

È in questa fase iniziale che inizio a creare un Mind Set con il Team Leader, che gli servirà a capire e a leggere al meglio quanto sta accadendo nella sua azienda. Per fare questo, ho bisogno di alcune risposte da lui. Si tratta di:

  • informazioni oggettive o/e tecniche: ad esempio l’organigramma dell’azienda, le dinamiche organizzative, il fatturato, i sistemi informatici di monitoraggio Kpi, le note sul prodotto o servizio, il cliente target, il mercato target e la lista dei competitor.
  • informazioni soggettive: ossia il percepito del Team Leader o dei componenti del CdA riguardo le dinamiche scatenanti, i pareri sulle persone e i ruoli, i pareri su quali sono i problemi da affrontare.

È questa la fase in cui inizia concretamente il mio lavoro di coaching aziendale. Il mio compito è quello di fornire strumenti e diverse percezioni per mettere il Team Leader nelle condizioni di osservare la situazione in azienda e, in alcuni casi, anticipare dinamiche che stanno per accadere. È il momento dell’ingaggio, del click che avviene tra me e il mio interlocutore, l’attimo in cui si instaura quel rapporto di fiducia reciproca che mi permette di affiancare e aiutare concretamente il Team Leader nella creazione di un nuovo Mind Set per portare avanti gli obiettivi dell’azienda.

0 8


POST CORRELATI